Trick or Vafammoc?

Non capisco perché ogni volta che vado nello Starbucks a North End per scroccare il wifi (la lavanderia sotto casa mia non è affidabile e cominciano pure a schifarmi…) c’è sempre un cesso dai capelli sporchi che cerca di posteggiarmi. Quasi sempre.

Ma poi parliamoci chiaro, mi vengono vicino e chiedono se sto bevendo cioccolata calda, quasi a pensare “ma che dolce e tenero ragazzo”.
A questo punto per levarmele dai coglioni mi gioco la carta del sociopatico: rispondo a senza motivo che non bevo caffè americano.
“Perché?”
“Sono italiano”
“Gli italiani non bevono caffè?”
“Non bevono caffè americano”
“Perché?”
“È veleno”
“Wow!”

Insomma succede sempre l’esatto contrario di quello che desidero, anzichè pensare che sono un reietto pazzo con strane idee mi trovano interessante e vogliono sapere sempre più cose.
Poi quando becchi quella che ti piace fai tanto per fare il tipo interessante e finisci per essere scartato come sociopatico/pessimista/allucinato/troppofilosofo/ forsepurechevotachi/iodisicurononvoteròmai/ almenoperoggi/chissàforsevendepuredroga/aibambini. Ma questa è un’altra storia dove prima ti cacano il cazzo, ridono alle battute, escono, vengono a casa tua e poi fanno finta di non vederti per strada. Ma si sa, so guaglione, anna’ pazzià, se non pazzeano mo’ quando lo fanno, mannaggia a chitemuort, prima o poi pure ti riacchiappo, e poi voglio vedere, perché si sa, se non ti faccio a quattro pezzi mo’, quando ecc. ecc.*

Ma poi voglio sapere n’altra cosa.
Sapevo che Halloween qui è un po’ na fissazione ma non credevo a sti livelli. In tutti i cavolo di posti tipo Starbucks ai soliti caffè dai nomi lunghi come la costituzione hanno aggiunto “Pumpkin” che se non vado errato significa “zucca” o comunque se non zucca si intende ‘na cosa arancione più o meno sferica che anzichè magnarsela con la pasta la svuotano tipo pollastro e ci mettono una candela accesa dentro. Ah, di solito la tagliano pure a forma di capa di mostro.
Insomma, una trovata utile e geniale.
Ieri mattina nel mio break tra una classe e l’altra ho avuto la malsana idea di fare colazione da Starbucks (“lì hanno i dolcettini buoniiiii *_*” cit. imbecille media che vuole starcazz pure in italia) che, nonostante mi faccia schifo, di tanto in tanto ci vado ancora non so perché e chi cazzo m’ha ciecato.
Mentre aspettavo il mio cappuccino fatto male quella nerd che di solito trasforma le ordinazioni da pura e semplice idea astratta ad elemento concreto del mondo fenomenico urla “MOKA CHOCOLATE VANILLA CINNAMON HALF CREAM COFFEE DOUBLE SUGAR PUMPKIN LATTE GRANDE”.
Io dal conto mio stavo pensando beatamente ai cazzi miei. Ma poi mi son ritrovato a porre una domanda al mio intelletto: ma la parola “pumpkin” è solo una menata per Halloween o questi so cazzi che mettono pure la zucca nel caffè?
Comunque se la notte di Halloween qualcuno viene a bussare fuori alla porta di casa mia facendo quella cacata “dolcetto o scherzetto?” mi metto ad alluccare a tipo parcheggiatore abusivo a cui hanno scippato il cliente. Poi voglio vedere chi si caca sotto.

 *Potrebbe funzionare come testo di una canzone neomelodica (neoborbonica)???

Annunci

È assolutamente sbagliato dire che le donne sono tutte zoccole.


Spesso in metropolitana mi trovo a sedere di fianco a ragazze molto belle.
La maggior parte di loro di solito accenna un sorriso e poi continua a farsi i fatti suoi.
Altre volte mi capita che mi guardano con quell’indifferenza fatta di superiorità, come se per me fosse un onore che mi sto sedendo vicino a loro. Quando capitava all’inizio mi chiedevo cosa cazzo ci fosse da guardarmi con quel simil-disprezzo, nemmeno fossi un rifiuto sociale.
Ma poi ho capito come reagire.
La vostra bellezza è non solo un qualcosa di soggettivo ma è anche evanescente, basare la vostra superiorità solo sull’aspetto fisico è ridicolo e assolutamente immaturo. La più grande soddisfazione me la prendo quando dopo essermi seduto di fianco a loro, ed aver aspettato un paio di fermate per consolidare la situazione, cambio posto improvvisamente con uno più distante non appena si libera (magari quello affianco o difronte). Di solito quando succede si guardano attorno attonite come a chiedersi inconsciamente “oddio, mi puzzano le ascelle?”
Un semplice gesto basta a distruggere un intero castello di carte emotivo. E questo la dice tutta.
L’onore, mia cara sciacquabicchieri, è solo tuo visto che io ho deciso di sedermi vicino a te, infatti ti consiglio di leggere il mio blog se ancora non l’hai fatto. Se non sai come fare non metterti a piangere, chiama il tuo amico nerd che sbava solo a vederti e supplicagli di aggiustarti il computer. Quando avrà finito dagli un bacino sulla fronte e ricordati di chiedergli pure di lavare a terra dopo che avrà inondato il pavimento di bava e lacrime di gioia.

Con questo NON intendo incoraggiare alcun tipo di misoginia. È solo un post su un blog che non ha nessun autorevole valore intellettuale, sono solo parole scritte in un ambiente virtuale destinate ad invecchiare archiviate in quel nulla fatto di qualunque cosa che poi è il web. Rinnovo il mio rispetto ed amore per le donne che sono assolutamente un qualcosa di meraviglioso che io adoro. Non a caso c’è anche un autorevole libro che racconta di come loro siano nate da una nostra costola. Prendiamoci cura della nostra costola mancante, nessuno ce la restituirà!

Premesso questo sappiate che recentemente mi hanno spiegato che è assolutamente sbagliato riferirsi alle donne come zoccole. Non importa che dopo essersi chiavate una città intera a tipo giro tondo quando arriva il tuo turno (che magari è pure la volta che ci sta un povero maronno disposto a volerle bene) cominciano a fare storie sui sentimenti, l’amicizia, e le relazioni che potrebbero non funzionare.
Ancora più sbagliato è riferirsi alle donne degli altri come zoccole. Questo è assolutamente irrispettoso nei confronti non solo delle donne ma anche dei vostri amici. Non importa che poi verranno da voi a piangere come dei cani bastonati al termine della relazione o si presentino a casa vostra alle 7 di sera chiedendo di bersi la vostra bottiglia di Jack Daniel’s per via della zoccola che se ne è andata al cinema col barista tatuato dell’arenile senza dirvi nulla.
Non importa che poi vi dicano “avevi ragione a chiamarla zoccola”. Non importa, è questione di rispetto.
Siate rispettosi,  le cose non ditele perché potrebbero ferire.
Per sicurezza vi dico un’altra cosa: non pensatele nemmeno.
Almeno andiamo sul sicuro.

Noi non siamo bostoniani.

Piove, e figurati se non piove. Fa anche freddo, mettiamoci smanicato, infradito e pantaloncini corti.
Domani prendiamo la Green Line per andare a vedere i Red Sox. Qual è? La B o la C? Aspetta un attimo ma qui perché passa solo la E? Vabbè sono le 18 beviamoci due casse di birra così possiamo prendere a calci le ragazze nella metro mentre andiamo a vedere i Red Sox. Ma non era 2$ il biglietto? Ah 2$ solo con la Charlie Card? E dove cazzo si prende la Charlie Card? Te la regalano? E dove? Comunque gli Yankees fanno schifo non siamo newyorkesi.
Organizziamo un party, mi raccomando portate da bere. Ma come è finita la birra? Aspetta ma sono le 23.05 non possiamo comprarne più. Meno male che domani giocano i Red Sox. Vabbè tanto giocano anche dopodomani, e pure il giorno dopo. Non sia mai che non li guardo, fai che per miracolo potessimo pure vincere dopo 5 ore di partita?
Ah comunque sto cercando casa. Ma davvero? Ed i bedbugs? No quelli non ci stanno, giusto qualche topo di tanto in tanto. Ma veramente? Io ho preso uno studio a fenway, il broker mi ha detto che era un’offertona e c’erano anche otto persone che lo volevano. Ma veramente? E quanto paghi? 1000$ al mese e non ho nemmeno le finestre! Fantastico! Pensa che la porta non si apre nemmeno del tutto perché sbatte contro la cucina, che poi è anche la camera da letto. Incredibile, magari fossi stato anche io così fortunato.
Ho comprato i mobili ikea per la casa ma tanto a fine mese li butto tutti per strada per comprarne di nuovi. Giusto, perché provare a venderli quanto puoi buttarli.
Hai comprato il giaccio? Mettilo nel caffè che fa freddo!!
Ho comprato la pizza. Ananas e salame piccante? Yes! Vediamoci i Red Sox!
Oh no non faccio in tempo a comprare il mio cornetto mattutino con uova, bacon, prosciutto e formaggio.
Il bidet? E che cazz’ è?
Oh sono le 16.30, iamm a magnà la dinner.
Quando starnutisci ricordati di farlo sul gomito.
Scusa mi vendi una sigaretta?
Adesso quando compriamo il caffè possiamo decidere se avere il bicchiere con Obama o con Romney. Bellissimo!
Vabbuò comunque ho comprato la maglia per andare al matrimonio.
Tiene lo smoking disegnato sopra.
Elegantissima.